agosto 25, 2018

Cauzione Provvisoria & Definitiva

Finalità della garanzia

Premesso che l’aggiudicatario, all’indomani dell’aggiudicazione della gara, è tenuto alla sottoscrizione del contratto di appalto, per il garante con il rilascio della garanzia “Provvisoria” incombe l’obbligo di rinnovare tale garanzia in caso di ritardo delle fasi del procedimento di gara e, in caso di aggiudicazione da parte del concorrente, l’impegno a prestare la successiva garanzia “Definitiva”.

In particolare il garante garantisce la serietà dell’offerta del concorrente legata anche all’esistenza in capo a costui dei requisiti di partecipazione/ammissione di natura generale (non assoggettabilità allo stato di fallimento, assenza di sentenze passate in giudicato per violazione di normative di natura fiscale, contributiva) e di ordine speciale (capacità tecnica organizzativa e patrimoniale in relazione alla peculiarità del contratto di appalto).

In merito al possesso dei requisiti, ove il concorrente abbia prodotto falsa documentazione strumentale alla partecipazione alla gara, la Stazione appaltante, escluso il concorrente dal procedimento concorsuale, ne dà comunicazione all’AVCP (Autorità Vigilanza Contratti Pubblici) che provvederà a comminare le previste sanzioni.

A chi serve la cauzione provvisoria

La cauzione garantisce anche il mancato possesso da parte dell’Impresa partecipante dei requisiti tecnico-organizzativi ed economico-finanziari previsti nel bando di gara.
La polizza esplicherà l’impegno del garante nei confronti dell’Impresa concorrente a rilasciare la garanzia di buona esecuzione in caso di aggiudicazione. E’ importante aggiungere inoltre, che la cauzione provvisoria, si prefigura anche di dare garanzia per la sottoscrizione della cauzione definitiva ed a stipulare le polizze assicurative previste.

Ambiti di applicazione

Per quanto riguarda la cauzione definitiva questa dovrà costituire una garanzia fideiussoria pari al 10 per cento dell’importo contrattuale (la cauzione definitiva) ai sensi dell’art. 113 del D.Lgs. 163/2006. E’ dovuta a garanzia della corretta esecuzione dell’appalto, e quindi a copertura degli oneri per il mancato od inesatto adempimento (art. 113 comma 5).

Come si può ottenere la Cauzione Provvisoria

La documentazione per l’esame della richiesta
Per l’esame della richiesta occorrono:
Bando di gara o lettera di invito
Disciplinare di gara e relativi allegati

Tipologia di bandi gara

Il bando di gara può essere strutturato come procedura aperta, ristretta, negoziata, secondo accordo quadro o sistema dinamico di acquisizione (per approvvigionamento di beni e servizi) basato sull’impiego di mezzi elettronici.

Criteri di aggiudicazione

Oltre al criterio del prezzo più basso (inferiore cioè a quello posto a base d’asta) la Stazione appaltante può optare per quello della offerta economicamente più vantaggiosa. In tal caso il bando di gara stabilisce i principi di valutazione dell’offerta parimenti alla natura, all’oggetto e alle caratteristiche del contratto sulla scorta degli indici prezzo/qualità, funzionalità e resa ottimale del bene/servizio in ragione della durata.